Durante il corso di RoboElettronica per ragazz* delle superiori, abbiamo parlato di fanatscienza e di come autori quali Isaac Asimov, Philip K. Dick, Ursula K. Le Guin, abbiano immaginato e narrato futuri possibili, facendoci leggere di mondi distopici o utopici, pieni di macchine, robot, alieni e via parlando.
Quindi ho pensato di chiedere loro:

“Come immaginate il mondo tra cinquant’anni, nel 2071? Avete dieci minuti”

Ecco il risultato del loro braistorming; si passa da una visione altamente distopica, ad una più ottimistica, seppur non priva di qualche elemento distopico.

Gruppo A — Francesco, Gabriele, Martino, Matteo

  • Robot che si aggiustano da soli

Era il 2010 quando lanciai la petizione internazionale a coin for Alan Turing per far emettere una moneta commemorativa dedicata al genio matematico in occasione del centenario della sua nascita nel 2012. Nonostante la petizione arrivò all’attenzione delle varie zecche e banche nazionali europee, alcune delle quali risposero come potrete leggere di seguito, nessuno alla fine aderì alla proposta. Ora, dopo undici anni, al posto della moneta, arriva la cartamoneta.

La Bank of England ha confermato che dal prossimo 23 Giugno 2021 sarà emessa in circolazione una banconota da 50 Sterline che celebra Alan Turing, nato il 23 Giungo del…


Un garofano sul letamaio

22 Febbraio 1980, ore 12:20; suonano alla porta di casa Verbano:

Chi è?

Siamo amici di Valerio.

Ma Valerio è a scuola.

Signora ci faccia entrare, siamo stanchi…Dobbiamo chiedere una cosa a Valerio. Lo possiamo aspettare in casa? Tanto lei ci conosce, siamo amici.

Comincia così la storia vera di uno dei più crudeli tra gli omicidi degli anni di piombo, tutt’ora avvolto da misteri ed omissioni sui moventi, sui mandanti e sui sicari. L’omicidio di Valerio Verbano.

Conoscevo di vista Valerio, vivevamo in quartieri limitrofi e a volte l’ho incontrato nelle riunioni che tenevano i…


Tim Girls Hackathon

Un giorno di autunno del 2014 mi chiamò Mara, co-founder di Codemotion, e mi disse:

“dobbiamo inventare un progetto STEAM per le ragazze delle superiori, una giornata in cui possano scoprire, avvicinarsi ed appassionarsi alla tecnologia”.

Mara sapeva di andare sul sicuro, perché sapeva della mia decisa volontà di agire in favore delle ragazze e delle donne, per abbattere lo stereotipo culturale che propone un modello femminile poco adatto alle tecnologie ed alle materie scientifiche.

Mi gettai subito con passione a ideare qualcosa, sostenuto dalla mia personale musa ispiratrice: Ipazia di Alessandria. …


La Macchina delle Emozioni

Robotica ed Emozioni con MADLEN, una “macchina” cartacea che ho progettato per simulare le emozioni (l’idea la presi anni fa non so più dove).

Madlen è un kit da montare, e può essere “programmata con le lettere”, spostando le strisce di carta che muovono sopracciglia, occhi e bocca. Madlen può essere anche personalizzata, in modo che chiunque possa creare le sue immagini di emozioni.

Ecco alcuni esempi realizzati durante i miei corsi di Robotica.

Madlen Standard

Madlen di Carolina

Io: Ci servono i robot? In cosa sono migliori degli umani?

Lorenzo: Ci servono perchè non si stancano.

Pietro: Possono andare in luoghi pericolosi.

Michele: Si, è meglio perdere un robot che delle vite.

Luca: La loro mente è migliore della nostra.

Io: I robot hanno una mente?

Luca: Non proprio.

Michele: Hanno la stessa mente del programmatore.

Questo è un estratto di una riflessione fatta durante il corso di Robotica che sto tenendo per ragazz* delle scuole medie. Lo faccio ogni volta, e sempre rimango colpito da qualcosa. …


appunti di neuroscienze in classe

sinapsi 9— l’Attenzione

Per apprendere bisogna fare attenzione; per insegnare bisogna fare attenzione all’attenzione.

L’attenzione è un meccanismo complesso del cervello, fatto di sistemi di allerta, e di sistemi di selezione. Dai sensi ci arrivano tantissime informazioni in contemporanea ma la nostra percezione cosciente è limitata. Per questo il cervello decide quale informazione è degna di passare alla fase di elaborazione; e lo fa in base all’interesse, ed agli stimoli che riceve.

L’attenzione agisce come una valvola.

Se una cosa non ci interessa, o la lezione è noiosa, non prestiamo attenzione, e il cervello “chiude” la valvola. …


appunti di neuroscienze in classe

sinapsi 8— Tabula Rasa

Alla nascita il nostro cervello è una tabula rasa, vuoto di qualsiasi cognizione, e pronto ad essere riempito.

Questa idea del cervello tabula rasa alla nascita, è stata in voga per molto, fino a poco tempo fa; ma è un’idea sbagliata.

In realtà le neuroscienze hanno dimostrato che il cervello di un neonato contiene già circuiti cognitivi e vaste conoscenze ereditate, che hanno solo bisogno di essere attivate, aggiornate ed utilizzate, con l’apprendimento.

I neonati sono tutt’altro che bambolotti dalla testa vuota in attesa che i grandi ci mettano dentro le conoscenze. Molto esperimenti hanno…


appunti di neuroscienze in classe

sinapsi 7— Empatia e Comunicazione Non Verbale

Nel linguaggio delle emozioni siamo ancora analfabeti.

È un concetto espresso dalla professoressa Contini, che intende rimarcare quanta poca importanza godano le emozioni, in particolare nei contesti educativi, e quindi quanta incapacità sussiste nell’esercitare l’empatia.

Ma cos’è l’empatia?

Forse è mettersi nei panni degli altri?O forse è fare buone azioni verso qualcuno?

L’empatia, dicono le neuroscienze, è la capacità di riconoscere e di comprendere le emozoni degli altri.

dal film “i 400 colpi” di F. Truffaut

E questa capacità deriva dalla presenza dei neuroni specchio.

Quando guardiamo una persona che compie un gesto, ad esempio lancia una pallina, i nostri neuroni specchio eseguono…

Adriano Parracciani

aka Cyberparra. Senior Educational Designer in Codemotion, Area Ricerca e Sviluppo CodemotionKids. Coach/ Maker/ Scrittore/ Artista/

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store